Lui: la mia Vita

Poi, un giorno, i dottori ritennero opportuno farmi tornare per qualche giorno a casa.

Ne approfittammo per riflettere, decidere, accettare, accogliere. Le poche persone che in quei giorni vennero a farmi visita rimasero sconvolte dal mio aspetto.

Lui non fu clemente con me. Mi trasformò in quella che non ero mai stata, spropositata e smunta. In quei giorni lontano dall’ospedale guardavo la tv, mangiavo e ascoltavo gli altri parlare.

Accarezzare la pancia e sentire mio figlio era l’unica cosa bella che avevo. Insieme all’immaginazione e alla fantasia che mi facevano vedere oltre quel mio presente, mi facevano vedere una vita lontana dalla malattia. Una vita felice. Mi facevano immaginare tutto ciò che di bello poteva ancora esserci.

Pubblicato da alessia

Alessia Marcoccia, nasce a Roma. Autrice e regista di Musical. Insegnante in Accademie di moda e spettacolo. Ha lavorato come coreografa e insegnante di portamento Nel 1996 inizia la sua carriera artistica, partecipando a diversi programmi televisivi in Rai e Mediaset.(Beato tra le Donne, Festa di Classe, Ciao Darwin, Uno Mattina, Furore, ecc) Nel 1998 fonda la Showcase, società di organizzazione e produzione grandi eventi. Oggi I AM events. Nel 2010, debutta con la sua prima opera musicale inedita. Scrive diversi format ed ha ideato e organizzato eventi di prestigio a carattere nazionale. Ha collaborato con diversi quotidiani nelle pagine Cultura e Spettacolo. Attualmente impegnata con una nuova opera musicale di cui è autrice e regista. Nel 2020 è autrice del romanzo autobiografico dal titolo “Tocco il cielo e torno” edito da Bertoni Editore.

Un pensiero su “Lui: la mia Vita”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.